Studio di testa

Descrizione

Studio di testa, pittore del XVII-XVIII secolo,  olio su tela, cm 67X54.
Già attribuita a Dirck Van Baburen (Utrecht, 1594 – 1624), il dipinto è uno studio, tendendo ad escludere che sia un frammento superstite di un’opera di maggiori dimensioni. A conferma è il carattere non finito e la velocità di alcuni brani, basti osservare il modo in cui è stato delineato l’orecchio e l’uniformità delle stesure che descrivono i panneggi. Il pittore sembra si sia particolarmente concentrato per descrivere la fredda luminosità di sapore caravaggesco, intensa e atta a dar forma alla volumetria che emerge prepotentemente dal fondo scuro. Dal punto di vista stilistico tuttavia, l’opera ha una tonalità decisamente più tenebrosa e luministica con esiti più vicini a quelli di Stomer (Amersfoort, 1600 ca. – Sicilia, dopo il 1650) che a quelli manfrediani dei primi decenni del secolo. Anche la freddezza di lume sembra rispondere meglio al confronto con la sensibilità nordica di Mathias.